Che cos’è il product placement e dove trovarlo

Il posizionamento di un prodotto all'interno di contenuti audio e video per fini commerciali mostra cos'è il product placement.

Tabella dei Contenuti

Non ti va di leggere? Prova ad ascoltare l'articolo in modalità audio 🎧
Voiced by Amazon Polly

Ricordi sicuramente il ritornello di quella canzone che suonava così “Labbra rosso Coca Cola, dimmi un segreto all’orecchio stasera…”. Ecco, si tratta di Product Placement: scopriamo perché.

Cos’è il Product Placement

Il suo significato è contenuto nel termine stesso: product placement significa letteralmente posizionamento di prodotto. Nel famoso caso della canzone cantata da Lauro, Fedez e Orietta Berti la Coca Cola viene posizionata all’interno di una canzone.

Infatti, in Mille è presente un ancoraggio lessicale importante che rende la canzone facile da memorizzare da parte del consumatore. In questo caso, la metafora “rosso Coca Cola” viene ripetuta per far leva sull’immaginario collettivo che permette di associare il colore rosso al brand.

La canzone Mille e il Product Placement sonoro

Forme di product placement

NeIlo specifico, il product placement è una forma di pubblicità indiretta. Si presenta come messaggio per la promozione velata di un prodotto commerciale che utilizza diverse forme. Infatti, si passa dall’espediente visivo a quello sonoro. Il prodotto viene declinato in più forme: testuale, audio e video all’interno di una canzone, di film o giochi.

A seconda della modalità di impiego distinguiamo 3 tipologie:

  1. Screen Placement: è di tipo visual e consiste nel mettere in primo piano il prodotto per poi studiare delle inquadrature finalizzate a metterlo in risalto
  2. Script Placement: è di tipo verbale, così come avviene in diverse canzoni tra cui la già citata Mille e “Non mi basta più” di Baby K, nella quale richiama al brand di capelli Pantene.
  3. Plot Placement: la terza e ultima forma è un posizionamento integrato che si ha quando quel prodotto è il protagonista della trama. Il film “Il Diavolo veste Prada” ne è un esempio. In questo caso è esplicita la collaborazione tra il marchio e la casa cinematografica che ha prodotto il film.

Il product Placement di Pantene

Capiamo meglio così da dove parte questo fenomeno.

Come nasce il “posizionamento del prodotto”

Il product placement sembrerebbe essersi affermato grazie all’accoppiata tra brand e cinema. Nella storia del cinema potremmo trovare parecchi esempi sin dai suoi esordi. Quelli che però sono più vicini alla generazione dei Millenials hanno inizio con la serie tv Friends. In molti episodi di questo cult anni ’90, il personaggio di Rachel fa riferimento nei dialoghi all’acquisto di oggetti per la casa. Ecco spuntare Pottery Barn, la catena di negozi americana che vende forniture domestiche.

Il product placement nella serie tv Friends

Tuttavia, non c’è bisogno di andare oltre oceano perché se pensiamo al cinema nostrano troviamo altri esempi come “Benevenuti al Sud”.

Nel film Claudio Bisio e Alessandro Siani, che sono rispettivamente protagonista e coprotagonista vestono i panni di due impiegati di Poste Italiane. Ne consegue per tutto lo sceneggiato la presenza di evidenti riferimenti visivi all’azienda. In sostanza, il product placement nasce nel momento in cui viene stipulato un accordo tra il marchio e la casa di produzione cinematografica e televisiva al fine di raggiungere un ampio pubblico.

Che cos’è il product placement al cinema e in tv

Tanto il cinema quanto la tv, sin dalla loro nascita sono due mezzi di comunicazione generalisti. Essi trattano temi ad ampio spettro che coinvolgono una grande fetta di persone interessate.

Perciò la facilità con cui si riesce a raggiungere il pubblico, costituisce un’opportunità per molti marchi, i quali vogliono sfruttare l’occasione. Ma non è stato sempre facile regolamentare gli accordi presi. Spesso si è parlato di pubblicità ingannevole ai danni del consumatore ignaro di tutto.

Ad oggi, in Italia si considera il D.Lgs 44/2010 in materia che trascrive la normativa europea secondo cui il product placement nelle produzioni tv o cinema è concesso a patto che nei titoli di coda vi siano specifiche indicazioni sui marchi presenti e che non vi siano interruzioni narrative legate a quello stesso prodotto. Inoltre, sono vietati i riferimenti promozionali a farmaci o tabacco.

Ma il vantaggio del product placement dov’è?

Il posizionamento di prodotto

Nel product placement, i vantaggi saranno sempre maggiori dei costi.

I brand cercano di promuovere i propri prodotti attraverso il cinema e la tv per limitare i costi, raggiungere un pubblico diversificato e associare l’immagine di marca ad un contesto più disinvolto.

Inoltre, diventa più facile per il consumatore identificarsi nella trama e nel personaggio/attore a cui si associa il prodotto. Il risultato è quello di avere un contesto più verosimile di quanto si possa credere. Anzi, in qualche caso, il contesto viene costruito ad hoc e così si riesce ad avvicinarlo al consumatore da far diventare il prodotto in uso nello sceneggiato, un prodotto di consumo nella realtà.

Un esempio emblematico è la birra Duff.

Come nasce Duff Beer dal Product Placement

Essa rappresenta il Product Placement inverso. A rendere la birra Duff un prodotto reale è stato il cartone animato satirico “I Simpson“. Infatti, il protagonista Homer ne è bevitore incallito, nonostante la birra Duff sia la rappresentazione scimmiottata delle birre commerciali americane.

Così su ispirazione dei molti stimatori della serie e per prevenire delle forme di replica, il colosso cinematografico Fox ha venduto i diritti di riproduzione al messicano Rodrigo Conteras che a partire dal 2008 l’ha commercializzata.

Considerazioni finali

Al termine di questa lettura, credo che si vada a superare via via la “caccia alle streghe” del product placement. Anche se in Italia ci sarà ancora un pò di strada da fare.

A mio avviso, le battaglie per la tutela dei consumatori dovrebbero essere concentrata a conoscere la provenienza dei prodotti o la loro vera filiera produttiva, portando così un gesto di trasparenza e di vero impegno delle autorità garanti per abbattere molti crimini e contribuire alla consapevolezza del consumatore.

Dovremmo superare l’idea che i consumatori siano ingenui.

Per questa ragione, ben venga il product placement attraverso i film, le serie tv o i game streaming.

Invece voi, avete un esempio di product placement che ricordate in particolare?

Approfondisci le tue conoscenze sul social media marketing con:

Categorie

Letture consigliate

Prodotti consigliati

Creazione Contenuti

Impara a ideare, pianificare e creare contenuti efficaci per i social media

Scopri di più
Piano Editoriale

Impara a strutturare, e gestire un PED efficace per i tuoi canali social

Scopri di più
CopyWriting

Impara a scrivere in modo efficace sul web e non solo

Scopri di più
CopyWriting

Impara a scrivere in modo efficace sul web e non solo

Scopri di più
Piano Editoriale

Impara a strutturare, e gestire un PED efficace per i tuoi canali social

Scopri di più
Facebook Adv

Impara le basi del FB Advertising e approfondisci concetti più avanzati

Scopri di più

Potrebbero interessarti anche:

Warner Bros. celebra i 100 anni di storia

Warner Bros: la brand extension oltre i confini dello schermo

In questo articolo celebreremo il centesimo compleanno della Warner Bros., esplorando alcuni dei suoi successi, i progetti futuri e la sua influenza sulla cultura popolare con una particolare attenzione sulla brand extension. Dalle saghe cinematografiche di successo come “Harry Potter” e “Il Signore degli Anelli”, alle nuove serie TV di grande successo come “Westworld” e “Game of Thrones”, la Warner Bros. continua ad essere un’importante forza trainante nel mondo dell’intrattenimento, e non vediamo l’ora di vedere cosa riserverà il futuro per questo leggendario studio cinematografico.

Leggi Tutto »

Pinterest: cosa sapere sulla piattaforma

Pinterest nasce nel 2010 come social network basato sulla condivisione di immagini e video, ma nel corso del tempo la sua definizione è cambiata. Scopri di più sulla piattaforma in quest’articolo!

Leggi Tutto »

Non rimanere mai indietro 📩

Iscriviti alla Marketing Espresso Letter.

Una volta al mese, niente SPAM. Solo i migliori contenuti e tutti gli aggiornamenti più importanti.

Impara il Social Media Marketing in modo semplice e utile

Scopri la formazione firmata Marketing Espresso