Community Management: come costruire una community solida

Il Community Management fa riferimento alla gestione di una community nella sua interezza. In quest'articolo abbiamo approfondito l'argomento, ma per saperne di più trovate un webinar a tema su Marketing Espresso Plus!
community management

Tabella dei Contenuti

Non ti va di leggere? Prova ad ascoltare l'articolo in modalità audio 🎧
Voiced by Amazon Polly

Il Community Management è una disciplina fondamentale per la creazione e la gestione di una community solida. Approfondiamola insieme!

Spesso c’è una concezione per cui il community manager si occupi solo di rispondere ai messaggi sotto i post di un profilo social. In realtà è molto di più! Infatti, è una vera e propria disciplina volta all’interazione tra gli utenti e il brand. La community è fondamentale per un brand, infatti, si può considerare come un asset del brand, ovvero una risorsa.

Oggi vedremo cosa si intende con il termine Community Management e poi vi forniremo 3 principi e 3 consigli per costruire una community solida.

Cosa si intende con Community Management?

Il Community Management fa riferimento alla gestione della community nella sua interezza e per poterlo fare al meglio bisogna riconoscere all’interno del team il ruolo del Community Manager. L’obiettivo? Creare un ambiente inclusivo e coinvolgente, dove i membri si sentono valorizzati e parte integrante del successo del brand.

Una Community online è fondamentale per la sopravvivenza di un brand. Infatti, una community è un gruppo di persone accomunate da interessi e bisogni simili, che interagisce all’interno di uno spazio fisico o digitale per manifestare la propria appartenenza nei confronti di qualcosa o qualcuno.

Per questo motivo ci deve essere una figura che si preoccuperà di notare come il brand viene visto e percepito dai suoi consumatori e utenti. Inoltre, dovrà capire a livello generale di come le persone ne parlano.

Perché è cosi fondamentale? Per mettere l’utente finale al centro, facendogli percepire quanto la sua parola sia importante per il brand. Per farlo bisogna riuscire ad ascoltare bene il proprio target sia online che offline.

I 3 principi base su cui si fonda il Community Management

Creare coinvolgimento (con poco)

Bisogna capire che per attivare la propria community si deve puntare sul semplice ed efficace. L’esempio principale in questo caso può essere partire da un bisogno comune della community e portare l’utente in un percorso in cui sarà sempre più interessato e invogliato a rispondere.

Così, sarà più facile comprendere il sentiment generale su un determinato tema o argomento.

In questo discorso bisogna fare attenzione a non chiedere all’utente uno sforzo troppo alto. Con uno sforzo basso, anche un utente più passivo potrebbe partecipare. Uno strumento ottimo per raggiungere questo obiettivo sono le stories di Instagram che al loro interno hanno diverse opzioni per coinvolgere l’utente come i sondaggi.

Per misurare il coinvolgimento della tua audience può essere utile analizzare anche l’engagement senza quantificare solo le reazioni e i commenti, ma stimolare una partecipazione attiva.

La personalizzazione

Diversamente dal coinvolgimento, la personalizzazione non riguarda la generalità degli utenti ma la loro specificità. Quindi in questo caso ci possiamo concentrare sulle modalità di risposta al nostro consumatore o utente.

Anche se le modalità possono essere differenti in base al mezzo, l’importante è che ci sia sempre un’interazione uno a uno. In questo modo l’utente percepirà da parte nostra la volontà di instaurare una conversazione diretta.

Raccogliere gli input

Spesso, tanti spunti e input utili possiamo raccoglierli all’interno dei commenti o dei DM. In questo caso può essere molto utile per aiutarci a comprendere e individuare quegli argomenti di cui la community vorrebbe che parlassimo e che interessano maggiormente.

Così da direzionare la nostra strategia contenutistica proprio sulla base di quelle idee, soddisfando la curiosità e gli interessi di chi ci segue.

I 3 consigli per creare un Community Management

1. Approfondisci le tematiche della tua audience

È fondamentale sia studiare che approfondire gli argomenti che possono interessare alla propria audience per poter rispondere in modo esaustivo a tutte le domande e richieste che ci verranno fatte.

2. Ricordati che rispondi a nome del brand

Non bisogna mai dimenticare che si sta parlando con l’utente a nome del proprio brand o progetto. Di conseguenza è importante ricordarsi il tono di voce per non uscire dagli obiettivi che la strategia ci impone.

Nell’interazione bisogna far percepire quanto l’utente o consumatore sia importante per noi perché questo agevola la creazione di fiducia nei confronti del brand. Per creare fiducia la comunicazione deve trasmettere autenticità ed essere trasparente. Infatti, una comunicazione onesta e aperta serve per rafforzare il legame tra il brand e i consumatori.

3. Rispondi in maniera tempestiva

Sui social network l’immediatezza è fondamentale e quindi la velocità di risposta è molto importante. Ovviamente questo è anche proporzionale alla grandezza del brand o del progetto, dato che un community manager di un brand con milioni di follower avrà un volume di richieste molto più elevata.

Conclusioni

Il Community Management è un ruolo dinamico che richiede una combinazione di abilità comunicative, empatia, capacità analitiche e una profonda comprensione del comportamento digitale.

In un mondo sempre più connesso, la capacità di un’azienda di costruire e mantenere una comunità solida può fare la differenza nel lungo termine, trasformando semplici consumatori in veri e propri ambasciatori del marchio.

Se volete approfondire questo argomento ne abbiamo parlato all’interno del webinar “Community Management: cos’è e come farlo” presente sulla nostra piattaforma Marketing Espresso Plus!

Approfondisci le tue conoscenze sul social media marketing con:

Categorie

Letture consigliate

Prodotti consigliati

Creazione Contenuti

Impara a ideare, pianificare e creare contenuti efficaci per i social media

Scopri di più
Piano Editoriale

Impara a strutturare, e gestire un PED efficace per i tuoi canali social

Scopri di più
CopyWriting

Impara a scrivere in modo efficace sul web e non solo

Scopri di più
CopyWriting

Impara a scrivere in modo efficace sul web e non solo

Scopri di più
Piano Editoriale

Impara a strutturare, e gestire un PED efficace per i tuoi canali social

Scopri di più
Facebook Adv

Impara le basi del FB Advertising e approfondisci concetti più avanzati

Scopri di più

Potrebbero interessarti anche:

Fear arousing appeal: il caso Apple Watch 7

Fear arousing appeal rappresentano delle strategie comunicative che sfruttano le sensazioni meno piacevoli degli esseri umani, come la paura, l’angoscia e la preoccupazione. Questa tecnica è stata recentemente adottata da Apple per la sua ultima campagna; da qui, ne sono derivate critiche e discussioni.

Leggi Tutto »

Non rimanere mai indietro 📩

Iscriviti alla Marketing Espresso Letter.

Una volta al mese, niente SPAM. Solo i migliori contenuti e tutti gli aggiornamenti più importanti.

Impara il Social Media Marketing in modo semplice e utile

Scopri la formazione firmata Marketing Espresso