Email marketing: 5 consigli per usarlo

L'email marketing può rappresentare un canale prezioso per attirare clienti fidelizzarli e generare delle vendite. Scopri in quest'articolo 5 consigli (+ 1 bonus) per rendere efficaci le tue email!

Tabella dei Contenuti

Non ti va di leggere? Prova ad ascoltare l'articolo in modalità audio 🎧
Voiced by Amazon Polly

L’email marketing, se sfruttato bene, è un canale fondamentale per attirare clienti, fidelizzarli e generare delle vendite. Questo meccanismo funziona solo si soddisfano alcuni bisogni dell’utente. Altrimenti sarà considerata solo una delle tante email spam, da evitare 👀

In questo articolo abbiamo racchiuso i 5 consigli fondamentali per creare una strategia di email marketing e ottimizzare la pubblicità del tuo prodotto o servizio.

Cos’è l’email marketing?

Con l’email marketing si fa riferimento a canale di comunicazione che si concentra sulla creazione, pianificazione e gestione di campagne di comunicazione attraverso l’invio di email. Questa pratica coinvolge diversi aspetti, dalla progettazione delle campagne alla selezione delle piattaforme per gli invii su larga scala, seguendo un calendario predeterminato.

L’email marketing gestisce non solo la fase di invio. Ma anche le attività che la precedono e seguono, compreso il monitoraggio dei risultati.

L’attenzione degli utenti diventa sempre più scarsa nell’era di internet e diventa sempre più difficile da catturare. Seguendo questi consigli, avrai nelle tue mani i trucchi per rendere le tue email più efficaci, e sfruttare tutte le potenzialità di questo canale di comunicazione. Pronti? Partiamo 👇

Concentrati su mittente e oggetto

Il mittente e l’oggetto del messaggio devono essere studiati con cura. Questi sono i primi elementi che un utente legge in un’email chiedendosi: chi è che la manda e che cosa cerca da me. E sono fondamentali per far aumentare le probabilità di apertura delle email pubblicitarie, ma non solo.

Evitiamo di renderli troppo “push” e che potrebbero sembrare uno specchietto per le allodole. Questi due elementi devono rispettare l’intento del servizio o prodotto in modo invitante ed essere poi ottimizzati con degli A/B test anche nel corso della campagna pubblicitaria.

Sono assolutamente da evitare trovate come “Guadagna 1 milione in un mese”, o menzionare brand che non hanno una partnership certificata con voi, per evitare beghe legali. Mettiti nei panni dell’utente, e pensa ad un’email che apriresti tu per primo.

Mai dimenticare la revisione

L’email che andrai a mandare deve essere corretta nella forma e nell’aspetto. Sembra banale ma i refusi sono sempre dietro l’angolo e potrebbero impattare negativamente sulla vostra campagna pubblicitaria.

Una “e” non accentata, una parola sbagliata o un carattere visibile in modo errato, compromettono la credibilità. L’utente penserà che il brand non abbia speso abbastanza tempo nella cura della comunicazione.

La Call To Action, ovvero la frase o il pulsante che ti permette di atterrare sul form, deve essere chiara e incuriosire l’utente. Infine, nell’ottica della revisione, ricordate di controllare che tutti i bottoni funzionino e che portino alla landing page desiderata.

Attenzione anche ai colori, che hanno il potere di trasmettere significati a livello inconscio.

  • Il giallo è associato all’ottimismo ed è spesso utilizzato per attirare l’attenzione nelle vetrine.
  • Il rosso trasmette energia ed urgenza. Un esempio emblematico è rappresentato da Coca Cola, un marchio che ha basato l’identità del proprio brand sul colore rosso.
  • Il blu, che comunica sicurezza e fiducia, è ampiamente utilizzato da banche e aziende che desiderano proiettare un’immagine rassicurante.
  • Il verde, simbolo della natura e della salute, è spesso associato a prodotti bio e sostenibili.

Attraverso il colore, un marchio può creare un’identità visiva efficace, stabilire solide relazioni con il mercato di riferimento e distinguersi dalla concorrenza.

Sii sempre onesto/a

Questo è un aspetto fondamentale e imprescindibile. Non promettere niente che non puoi mantenere.

Se annunci uno sconto del 50% sul tuo e-commerce, ma l’offerta si applica solo a una camicia taglia XXS, il pubblico non avrà più fiducia in te e abbandonerà il sito in 0,3 secondi. È fondamentale nel marketing non pensare di essere più furbi degli altri.

Con l’avvento di Internet siamo in ogni minuto sommersi da pubblicità e anche i “profani” hanno capito i meccanismi che si celano dietro a questi artifici. Da qui definire gli obiettivi del proprio lavoro. Generare del traffico, vendite, migliorare la relazione con i clienti, fidelizzare i lettori, sono tutti possibili intenti. Ma è necessario generare l’offerta con la maggiore trasparenza possibile.

Prendi spunto dai competitor

Proprio così: dai competitor si possono trarre molti spunti, quindi non aver paura di osservare ciò che fanno. Avere un modello a cui aspirare non significa copiare.

Apple non ha creato un sistema operativo da zero, ma si è ispirato all’eredità di Microsoft. I leader del mercato possono fornire spunti preziosi su ciò che funziona, sulle preferenze e le tendenze emergenti. È importante allargare anche il proprio campo visivo rispetto a quelli che possono essere i competitor.

Un esempio è il caso Blockbuster che ha guardato la concorrenza solo nel proprio mercato di riferimento. L’azienda statunitense pensava che i propri concorrenti fossero le altre catene di noleggio di dvd come Wal-Mart, ignorando l’arrivo delle piattaforme di streaming online. Questo causò, poi, la sua bancarotta nel 2013.

L’obiettivo non è semplicemente emulare, ma comprendere, adattare e, infine, superare. L’innovazione spesso sorge dalla capacità di combinare elementi esistenti in modi nuovi e sorprendenti.

Non rivolgerti a tutti

Targhetizza. Non ti servirà a nulla mandare ad un diciottenne una piattaforma per vendere casa perché al 99% non possiede un immobile e quindi non sarà attratto dall’offerta. Se stai sponsorizzando i saldi nel tuo negozio a Roma non contatterai persone di Milano.

È fondamentale arricchire il tuo database con più informazioni possibili, così da rendere le tue email di valore e utili per chi le legge. Avere dei database con filtri specifici è fondamentale per non saturare inutilmente la lista contatti conquistata con tanta fatica.

E no, “non ho tempo” non è una scusa. Se vuoi far funzionare una strategia di email marketing devi dedicarle tempo, abituarti a ragionare sui numeri e mettere mano alla lista di contatti per scoprire chi c’è dentro. Non è divertente ordinare un file Excel per età, professione, geo localizzazione e tutto quello che può servirti per la tua attività ma, alla lunga, sarà un tempo ben speso. Perché il tuo advertising arriverà a colpire le persone giuste!

Per risparmiarti un po’ di lavoro hai in alternativa due possibilità: imparare ad usare un software di invio di newsletter che consentono di tracciare i comportamenti degli utenti, oppure investire in agenzie professionali che ottimizzeranno la tua campagna di comunicazione.

P.S. Consiglio bonus ✨

L’ultimo consiglio bonus è: abbi pazienza. Fare email marketing non è una scienza esatta e non esiste un numero esatto di quante email mandare al mese, quale call to action funziona meglio o qual è l’orario giusto per inviare. Per avere una strategia di email marketing adatta per il tuo brand dovrai testare e sperimentare, e per questo ci vuole molto tempo. Quindi non arrenderti!

Conclusioni

Speriamo che questi consigli vi siano utili per direzionare la vostra strategia di Email Marketing al meglio. Con costanza, duro lavoro e concedendosi anche la possibilità di sbagliare, si possono raggiungere grandi risultati! Se vuoi approfondire ulteriori nostri articoli, li trovi qui ☕️

Approfondisci le tue conoscenze sul social media marketing con:

Categorie

Letture consigliate

Prodotti consigliati

Creazione Contenuti

Impara a ideare, pianificare e creare contenuti efficaci per i social media

Scopri di più
Piano Editoriale

Impara a strutturare, e gestire un PED efficace per i tuoi canali social

Scopri di più
CopyWriting

Impara a scrivere in modo efficace sul web e non solo

Scopri di più
CopyWriting

Impara a scrivere in modo efficace sul web e non solo

Scopri di più
Piano Editoriale

Impara a strutturare, e gestire un PED efficace per i tuoi canali social

Scopri di più
Facebook Adv

Impara le basi del FB Advertising e approfondisci concetti più avanzati

Scopri di più

Potrebbero interessarti anche:

Non rimanere mai indietro 📩

Iscriviti alla Marketing Espresso Letter.

Una volta al mese, niente SPAM. Solo i migliori contenuti e tutti gli aggiornamenti più importanti.

Impara il Social Media Marketing in modo semplice e utile

Scopri la formazione firmata Marketing Espresso