Gli archetipi nella costruzione di un brand

Tabella dei Contenuti

Non ti va di leggere? Prova ad ascoltare l'articolo in modalità audio 🎧
Voiced by Amazon Polly

Una chiara identità archetipica – non solo per il prodotto ma per l’azienda – funge da strano attrattore che consente a un modello ordinato di emergere anche in condizioni caotiche.

Mark M. “The hero and the Outlaw: building extraordinary brands through the power of archetypes

Sei un amante o un ribelle? Forse un eroe… ciò che è evidente è che ognuno di noi ha una personalità unica e distintiva!

Allo stesso modo in una strategia di branding è fondamentale che venga individuata una personalità che permetta di distinguere il propri brand rispetto alla concorrenza e posizionarlo correttamente nella mente dei propri consumatori.

Gli archetipi nascono in psicologia

Infatti, Carl Gustav Jung, nel libro “Gli archetipi dell’inconscio collettivo” fu il primo a dare una definizione delle immagini archetipiche, ovvero quei modelli che vengono condivisi dal genere umano in toto:

[…] forme o immagini della natura collettiva che si ritrovano in tutta la Terra come generatori di miti e, al tempo stesso, prodotti individuali dell’inconscio.

Dr. Carl Jung

Queste sfaccettature psicologiche sono state successivamente riutilizzate nel marketing e – in particolare – nel branding per raccontare storie e venire incontro alle reali necessità dei clienti e potenziali tali.

Ogni brand dovrebbe acquisire, in primis, la consapevolezza di sé e successivamente far emergere la propria personalità e storia archetipica in modo coerente e strategico.

Per costruire una brand identity efficace, infatti, è fondamentale entrare in contatto con le emozioni del nostro pubblico.

Sono stati individuati 12 archetipi della psicologia junghiana che vengono definiti dallo stesso psicologo attivatori di emozioni e divisi a loro volta in quattro fondamentali emozioni umane: stabilità, indipendenza, cambiamento e appartenenza.

Ovvimente tanti archetipi concorrono a formare la nostra personalità, ma solamente uno risalta rispetto agli altri.

Archetipi 12 Jung
https://www.makkie.it/archetypal-branding/

Angelo custode (The caregiver)

L’archetipo dell’Angelo Custode è presente in tutti quei brand che si preoccupano per gli altri e fanno della cura delle persone e del mondo la loro ragione di esistere.

Hanno come qualità essenziali l’empatia perché cercano di vedere e sentire le cose da il punto di vista dei propri clienti e non solo il proprio; ascolto perché sanno ascoltare e capire i bisogni degli altri e coerenza, perché sono brand affidabili e rispettosi delle proprie condizioni.

Esempi:

  • Pampers
  • Volvo
  • Johnson and Johnson
Archetipi angelo custode

Sovrano (The ruler)

Questi brand vogliono avere il potere e controllo totale.

Ricercano il successo ed hanno come obiettivo la creazione di vita prosperosa. Sono brand responsabili, autorevoli e visti come un modello di rigore e da imitare.

Esempi:

  • Microsoft
  • Mercedes Benz
  • Rolex
Archetipi il sovrano

Creatore (The creator)

I creatori (anche chiamati costruttori, the builders) vogliono innovare. Sono archetipi anti-conformisti per natura ed hanno come obiettivo la costruzione di un mondo secondo la loro personale attitudine.

Un brand che si rifà all’archetipo del creatore vuole incidere sulla creatività dei propri consumatori e vendendo loro un mondo di possibilità.

Esempi:

  • Lego
  • Adobe
  • Pandora
Archetipi il creatore

Innocente (The innocent)

Seguendo la filosofia archetipica dell’innocenza, vogliamo un brand che vede il bene in tutto ciò che lo circonda e cerca, al tempo stesso, di trasmetterlo all’esterno. Sono quei brand che cercano di far sentire i propri consumatori salvi e belli se scelgono il loro prodotto o servizio.

Esempi:

  • Wii
  • Dove
  • Coca Cola
Archetipo l'innocente

Saggio (the sage)

Il saggio è colui che vuole capire il mondo circostante. Sono archetipi sempre alla ricerca della verità e sono consapevole che non saprà mai abbastanza.

Infatti il loro ultimo obiettivo è quello di capire ogni cosa.

I brand che si identificano in questo archetipo hanno un animo aperto e sempre disposto a capire il prossimo, al tempo stesso cercano di aiutare coloro che si interfacciano ai loro prodotti e servizi.

Esempi:

  • BBC
  • Google
  • CNN
Archetipi il saggio

Esploratore (the Explorer)

Sono quei brand che vogliono viaggiare e visitare tutto il mondo. Questo archetipo vuole vivere quante più esperienze possibili e raccontarle a mondo esterno.

Un brand che condivide questa personalità vuole anche dare ai propri clienti la possibilità di fuggire. Come conseguenza, le pubblicità sono realizzate in luoghi magici e lontani che danno alle persone la sensazione di poter avere una via di fuga.

Esempi:

  • The North Face
  • Jeep
  • Red Bull
Archetipi l'esploratore

Eroe (the Hero)

Gli eroi sono coraggiosi, trasudano forza e potenza, creano innovazione e hanno un forte impatto sul mondo. I brand che esternano questa personalità combattono l’ingiustizia e portare con loro anche i consumatori che hanno il coraggio e la forza di rischiare.

Esempi:

  • Brio blu
  • Nike
  • Snickers
l'eroe brand archetype

Mago (the Magician)

Questi brand promettono ai propri consumatori di realizzare qualsiasi loro sogno. E’ scontato che in particolare sono i brand tecnologici ad utilizzare questo archetipo per comunicare i propri poteri supernaturali. Cercano di offrire soluzioni semplici ai problemi quotidiani.

Vogliono creare qualcosa di speciale e trasformare il mondo attraverso l’innovazione. Sono brand carismatici e con una profonda immaginazione. Tendono, inoltre, ad essere visionari.

Esempi:

  • Star Wars
  • Apple
  • Absolute vodka
Archetipi il mago

Ribelle (the Outlaw)

Ci rivolgiamo, in particolare, a coloro a cui piace infrangere le regole. I brand ribelli amano essere temuti ed ammirati allo stesso tempo. Si rivolgono ad un pubblico outsider e anticonformista a cui non piace stare alle regole. Usano una comunicazione molto forte, a tratti aggressiva.

Esempi:

  • Virgin
  • Diesel
  • Harley Davidson
il ribelle brand

Uomo comune (Everyman)

Chi è effettivamento l’uomo comune? Può essere un “lui” o una “lei”, ciò che importa è che rappresenta noi stessi.

I brand che si identificano in questo archetipo cercano di impostare una comunicazione trasparente, mostrandosi in modo semplice e convenzionale. Per questo motivo anche le campagne pubblicitarie sono realizzate nella vita di tutti giorni e mostrano spezzati di vita quotidiana.

E’ una personalità archetipica utilizzata in particolare dai beni di largo consumo o prodotti per la casa.

L’obiettivo? Mostrare che è perfettamente ok essere normali!

Esempi:

  • Visa
  • Barilla
  • Ebay
Archetipi l'uomo comune

Burlone (the Jester)

Esprime energia e divertimento.
I brand burloni esprimono irriverenza e spontaneità. Il loro unico obiettivo è divertirsi. Per questo motivo le campagne pubblicitarie saranno rivolte al divertimento e sono giocose e comiche.

Esempi:

  • M&Ms
  • Budwaiser
  • Geico
il burlone

Amante (the Lover)

L’amante è un brand sensuale e affascinante… usa le giuste parole per ammaliarti e convincerti che sia lui la scelta giusta per te.

I brand amanti sono romantici, lussuosi e di alta qualità. Sanno bene come farci innamorare…

Sono normalmente profumi o cosmetici o prodotti di lusso che utilizzano questo archetipo.

  • Victoria’s Secret
  • Muller
  • Guerlain
l'amante

0

Categorie

Letture consigliate

Prodotti consigliati

Content Concrete

Crea contenuti efficaci per i social media

Scopri di più
ToCopy

Scrivere in modo efficace sul web

Scopri di più

Potrebbero interessarti anche:

Dì la tua nei commenti ⬇️

Non rimanere mai indietro 📩

Iscriviti alla Marketing Espresso Letter.

Una volta al mese, niente SPAM. Solo i migliori contenuti e tutti gli aggiornamenti più importanti.

Impara il Social Media Marketing in modo semplice e utile

Scopri la Marketing Espresso AcadeME