Pinterest: cosa sapere sulla piattaforma

Pinterest nasce nel 2010 come social network basato sulla condivisione di immagini e video, ma nel corso del tempo la sua definizione è cambiata. Scopri di più sulla piattaforma in quest'articolo!

Tabella dei Contenuti

Non ti va di leggere? Prova ad ascoltare l'articolo in modalità audio 🎧
Voiced by Amazon Polly

Cos’è e come funziona Pinterest, la piattaforma aggregatrice di immagini ma anche grande fonte di ispirazione? Che tu sia un’azienda, un brand o una persona, se hai aperto questo articolo è perché vuoi scoprirne di più.

Quindi 3, 2, 1…iniziamo!

Telefono che ha come sfondo l'app di Pinterest.

Cos’è Pinterest?

Pinterest è stato creato nel 2010 da Evan Sharp, Ben Silbermann e Paul Sciarra.
Nasce come social network basato sulla condivisioni di immagini e video. Nel 2015, dopo una dichiarazione da parte del CEO, la piattaforma inizia a distaccarsi dalla categoria di “Social Network”, prende le distanze dai suoi competitors eliminando il tasto “mi piace” ma mantenendo l’opzione “salva”.

Pinterest, quindi, non è più un social network ma non si può definire neanche un motore di ricerca.
E allora, cos’è? No, non vogliamo farti nessun indovinello. Oggi Pinterest si definisce un aggregatore di idee o motore di scoperta visiva. Proprio per questo, infatti, ha un forte potenziale inesplorato, soprattutto per quanto riguarda le strategie di marketing.

La parola Pinterest racchiude già l’obiettivo della piattaforma: fissare (pin) i contenuti di nostro interesse (interest) nelle bacheche virtuali.

Come funziona Pinterest?

Pinterest è completamente gratuito e se ancora non ci sei sulla piattaforma, iscriversi è facile e intuitivo.
Basterà indicare la propria email, la password e l’età (in Italia, l’età minima è di 13 anni) e il gioco è fatto!
Durante il primo accesso, dovrai segnalare le tue preferenze di argomento così che la piattaforma potrà offrirti solo ciò che tu desideri vedere (non preoccuparti: le preferenze cambieranno in base all’utilizzo che farai della piattaforma).

E ora, eccoti sulla home di Pinterest! La prima cosa che ti salterà all’occhio è la valanga di pin su argomenti simili che potrai salvare nella tua board (o bacheca) e\o condividere (pinnare).

Home feed di Pinterest

Che cos’è un pin?

Nel lessico di Pinterest, la parola “pin” viene associata a un post composto da un’immagine o un video, un link esterno e una breve descrizione. Cliccando sul contenuto, infatti, approderai sul sito esterno e potrai approfondire l’argomento.

Ma c’è una cosa che devi ricordare prima di pubblicare il tuo primo pin: la qualità deve essere alta.
L’immagine, quindi, deve essere in alta risoluzione e deve rispettare i formati della piattaforma (un contenuto verticale può avere una maggiore visibilità rispetto a una foto o video orizzontali).
Ma non solo: devi assolutamente curare le parole chiave per descrivere il tuo contenuto così da essere indicizzato nel migliore dei modi.

Con la parola “repin“, invece, Pinterest si riferisce all’azione di salvataggio di un contenuto in delle bacheche apposite. Pinnare, infatti, vuol dire dare una maggiore visibilità a una foto o a un video. Sì, in pratica proprio come quando fissi in alto un messaggio su Telegram o un contenuto su Instagram.

Che cos’è una board?

La board di Pinterest è una bacheca nella quale vengono salvati i pin.
Puoi creare più di una bacheca, in base all’argomento che ti interessa, e in più puoi renderla sia privata che pubblica. Nell’ultimo caso, quando salverai il pin di un utente in una bacheca, questa persona riceverà una notifica.

Creare una bacheca è facile: puoi farlo direttamente dal pulsante “aggiungi” o dopo aver salvato un pin, cliccando su “crea nuova bacheca”. È proprio questo strumento a dare valore alla piattaforma e al tuo brand. Sì, esatto: Pinterest può e deve essere utilizzato anche per la strategia del tuo brand perché è l’unica piattaforma che rimanda a link e\o siti esterni. Hai già capito dove vogliamo arrivare, vero?

Pinterest per le aziende: è davvero utile?

Nei paragrafi precedenti abbiamo spiegato il perché Pinterest non vuole essere definito un social network. Il modo in cui viene utilizzato, infatti, è molto simile a quello dei motori di ricerca. Questa, appunto, è una piattaforma che raccoglie idee e contenuti di ispirazioni da salvare e consultare in un secondo momento.

Proprio per questo è utile per studiare e capire quali sono i gusti dei tuoi potenziali clienti soprattutto se la tua attività ruota intorno a queste 6 categorie: arredamento, bricolage, turismo, moda, cucina e salute e benessere. Quindi, se il core business della tua azienda rientra in queste categorie, crea un account business di Pinterest, fissa degli obiettivi, realizza un piano editoriale e sii costante. Funzionerà!

I Rich Pin

Se hai letto l’articolo fino a qui, saprai di certo cos’è un pin e un repin ma ancora non ti abbiamo parlato dei rich pin o pin dettagliati. Perché te ne stiamo parlando solo ora? Perché sono utili soprattutto se hai un brand o un’azienda. E ora andiamo a vedere nel dettaglio di cosa si tratta.

I rich pin sono un’evoluzione dei pin. Infatti, danno la possibilità di fornire più informazioni possibili riguardo il prodotto per migliorare l’esperienza dell’utente. Esistono 4 tipi diversi di rich pin.

  • Rich pin prodotto: facilitano lo shopping perché includono prezzo aggiornato in tempo reale, disponibilità del prodotto e link diretto alla pagina d’acquisto. Se il tuo prodotto si trova su Shopify, Etsy o eBay non sarà necessario nessun link, basterà validare il prodotto.
  • Rich pin articolo: perfetti per condividere articoli di blog. Comprendono l’immagine di copertina dell’articolo, il titolo e il nome dell’autore. Ricorda: Pinterest predilige articoli con più testo che immagini.
  • Rich pin ricetta: se appartieni alla categoria dei food blogger o lavori nel mondo del food, non puoi non utilizzare questi rich pin. Includono tutti i dettagli fondamentali per una ricetta: tempi di cottura, ingredienti, porzioni e altri approfondimenti o valutazioni.
  • Rich pin app: vuoi far scaricare la app del tuo sito? Ecco qui i rich pin che fanno al caso tuo. Questi includono il pulsante “installa” che porterà gli utenti direttamente nell’app store.
Pinterest: cosa sapere sulla piattaforma. Rich pin ricetta

Gli utenti su Pinterest

Pinterest è utile per la tua azienda. Ancora non ti abbiamo convinto? E allora servono un po’ di numeri.
La piattaforma conta 498 milioni di utenti attivi che ogni mese vogliono trovare nuove idee o programmare il prossimo acquisto. I dati hanno registrato una forte crescita di utenti anno dopo anno.

La maggior parte del pubblico che frequenta la piattaforma proviene dagli Stati Uniti.
Il 76,2% sono donne di cui il 28,5% ha un’età compresa tra i 25 e i 34 anni, quindi appartenenti alla categoria dei Millennial e il 18% tra i 18 e i 24 anni, appartenenti alla generazione Z.

Gli utenti di Pinterest sono persone indecise e aperte alle novità. Proprio per questo, utilizzano la piattaforma per fare progetti futuri, scoprire nuovi brand e acquistare. L’85% di utenti settimanali, infatti, ha effettuato un acquisto dai pin di Pinterest. Ora capisci quanto è importante pubblicare un pin di alta qualità?

Il dato che ci fa riflettere sulle potenzialità della piattaforma è questo: l’80% degli utenti ha una sensazione positiva quando utilizza Pinterest e il fatto che siano felici è fondamentale per loro ma soprattutto per chi vuole investire e sponsorizzare il suo brand su questa piattaforma.

Leroy Merlin e la campagna pubblicitaria su Pinterest

Se la tua attenzione è rimasta alta dall’inizio dell’articolo fino ad ora, sicuramente ricorderai che tra le categorie in tendenza su Pinterest, c’è sicuramente quella legata al mondo della casa e dell’arredamento.

Bhe, e allora non possiamo non raccontarti del caso di Leroy Merlin che ha ben deciso di sfruttare questa piattaforma per coinvolgere nuovi utenti ma anche per consolidare i più fedeli. Di conseguenza l’obiettivo principale del brand è stato quello di incrementare i propri risultati sia in termini qualitativi che quantitativi.

La strategia di comunicazione di Leroy Merlin ha utilizzato un approccio full funnel e always on.
Il target di riferimento, infatti, era eterogeneo. Comprendeva, quindi, utenti di fasce d’età, gusti ed esigenze diverse.
I formati utilizzati erano coerenti con l’approccio full funnel e quindi comprendevano un mix di annunci video, annunci statici, retargeting dinamico, targeting e offerte automatiche.

I risultati? Leroy Merlin ha quadruplicato le sue vendite rispetto allo stesso semestre ma soprattutto si è posizionato in cima alle ricerche di Pinterest. Un ottimo traguardo se si pensa che la piattaforma è frequentata da un pubblico interessato all’interior design.

Conclusione

Complimenti a te che hai letto fino alla fine questo articolo!
Ora saprai come sfruttare al meglio Pinterest, la piattaforma aggregatrice di immagini e non solo.

Ma non è finita qui, ne siamo sicuri: questo articolo ti ha suscitato così tanto interesse che vorresti fare altre domande, non è vero? E allora è arrivato il momento: entra a far parte di Marketing Espresso Plus. Qui avrai una community premium tutta per te, imparerai e ti confronterai direttamente con tutto il team di Marketing Espresso ma soprattutto avrai la possibilità di conoscere altre persone e professionisti.

Per non parlare di eventi live, workshop, tool, risorse utili e annunci di lavoro.
Insomma, è il posto giusto se vuoi chiedere aggiornamenti e\o approfondimenti su Pinterest e su tutto ciò che ti salta in mente. Ti aspettiamo!

Approfondisci le tue conoscenze sul social media marketing con:

Categorie

Letture consigliate

Prodotti consigliati

Creazione Contenuti

Impara a ideare, pianificare e creare contenuti efficaci per i social media

Scopri di più
Piano Editoriale

Impara a strutturare, e gestire un PED efficace per i tuoi canali social

Scopri di più
CopyWriting

Impara a scrivere in modo efficace sul web e non solo

Scopri di più
CopyWriting

Impara a scrivere in modo efficace sul web e non solo

Scopri di più
Piano Editoriale

Impara a strutturare, e gestire un PED efficace per i tuoi canali social

Scopri di più
Facebook Adv

Impara le basi del FB Advertising e approfondisci concetti più avanzati

Scopri di più

Potrebbero interessarti anche:

Non rimanere mai indietro 📩

Iscriviti alla Marketing Espresso Letter.

Una volta al mese, niente SPAM. Solo i migliori contenuti e tutti gli aggiornamenti più importanti.

Impara il Social Media Marketing in modo semplice e utile

Scopri la formazione firmata Marketing Espresso