Quali sono i primi brand apparsi in TV?

In occasione della Giornata Mondiale della Televisione, abbiamo analizzato i primi brand a essere apparsi in TV. Scopriamoli insieme!
I primi brand apparsi in tv

Tabella dei Contenuti

Non ti va di leggere? Prova ad ascoltare l'articolo in modalità audio 🎧
Voiced by Amazon Polly

Vi siete mai chiesti quali sono state le prime aziende ad aver sfruttato la tv come mezzo pubblicitario? Oggi lo scopriamo insieme! 📺

Oggi, il 21 novembre 2023, è la ventisettesima Giornata mondiale della Televisione, istituita nel 1996 dall’ONU. E per l’occasione abbiamo scelto di celebrare i primi brand apparsi in TV.

Ormai è quasi un secolo da quando questo strumento è nato e ha iniziato pian piano ad entrare nelle case della gente. Infatti, la prima televisione elettronica fu realizzata nel 1927.

Ma dobbiamo aspettare fino agli anni ’50 per vederla entrare in quasi tutte le case del mondo occidentale e poi espandersi nel resto del mondo. In Italia arrivò ufficialmente qualche anno dopo, nel 1954, quando iniziò la programmazione Rai.

I brand non usarono subito questo mezzo per fare pubblicità, data anche la poca popolarità che aveva durante i primi anni, e il primo spot della storia risale al 1941. Vediamolo insieme!

1941: Il primo spot della storia in TV

Il primo spot della storia è stato trasmesso il 1 luglio 1941 durante una partita di baseball sulla WNBT, un emittente di New York. Si trattava di un comunicato che pubblicizzava gli orologi Bulova

Lo spot durava solo 10 secondi e consisteva in un fermo immagine del profilo degli Stati Uniti con sopra un’immagine stilizzata dell’orologio Bulova. 

L’azienda fu anche la prima a fare un spot in radio circa 15 anni prima.

Primo spot televisivo dell’azienda Bulova

Verso la fine dello spot si sentiva una voce fuori campo che dichiarava ‘‘America runs on Bulova Time”, ovvero ”l’America funziona a tempo Bulova”. Un claim semplice, ma certamente di impatto. 

Una curiosità su questo spot è che per crearlo e mandarlo in onda bastarono solo 9 dollari, corrispondenti a circa 155 dollari odierni. Di conseguenza, è interessante vedere come si sia evoluto questo mezzo. Infatti oggi i brand oggi arrivano a spendere decine di milioni di dollari per creare degli spot. 

Un esempio è sicuramente la notte del Super Bowl durante la quale passano alcuni degli spot più costosi. Se volete approfondire questo argomento trovate qui un articolo del nostro blog che ne parla. 

La tv e il boom economico

La guerra rallentò notevolmente l’ascesa di questo nuovo mezzo di comunicazione. Infatti, bisogna aspettare fino agli inizi degli anni ’50 per trovare nuovi esempi di pubblicità televisiva.

Con il boom economico i brand iniziarono a capire l’influenza di questo strumento e crearono i primi spot, ma non solo. Vediamo quali strategie hanno sfruttato in particolare Coca Cola e Vitamix.

1949: Vitamix manda in onda la prima televendita

Diversamente da tutte le altre aziende che vedremo in questo articolo, la Vitamix scelse di non creare un spot ma una vera e propria dimostrazione.

L’azienda vendeva elettrodomestici dal 1921 e il fondatore, William “Papà” Barnard, aveva già iniziato a girare la nazione mostrando ai clienti i propri prodotti.

Con la nascita della tv decise di riproporre lo stesso format in televisione su un canale di Cleveland. La televendita durava circa 30 minuti e mostrava il suo prodotto di punta, ovvero il frullatore.

Papa Barnard durante una televendita per il frullatore Vitamix

Fu la prima televendita della storia televisiva. Rappresentò un enorme successo, che portò all’azienda moltissime vendite.

L’emittente di Cleveland iniziò a mandare in onda le televendite di Papa Barnard settimanalmente. Successivamente si ampliarono trasmettendole anche nello stato di New York.

1950: Coca Cola in TV durante il Giorno del ringraziamento

Uno dei primi spot televisivi fu quello di Coca Cola mandato in onda il giorno del ringraziamento del 1950.

La pubblicità inizia con un gruppo di 5 persone attorno ad un tavolo. Sul tavolo si può vedere il tipico tacchino del ringraziamento americano.

Una delle due donne commenta come la cucina sembri un luogo accogliente e prontamente uno degli uomini le risponde “hai detto ospitalità?”. Nel frattempo, si gira aprendo il frigo per dare una bottiglia di Coca Cola a ognuno degli ospiti.

Una delle donne, poi, con un vassoio di bottiglie di Coca-Cola in mano consiglia allo spettatore di fare come loro, e offrirne una ai loro ospiti. Infine una voce fuori campo racconta i motivi per cui avere sempre le bottiglie di Coca Cola nel frigo.

Spot Coca Cola

In questo momento, ancora di sperimentazione televisiva, fu molto lungimirante da parte dell’azienda decidere di trasmettere questo spot durante una delle giornate più importanti per il popolo americano.

1955: il primo spot inglese

Il 22 settembre del 1955 venne mandato in onda per la prima volta uno spot di circa un minuto in cui veniva pubblicizzato il dentifricio Gibbs SR, un’azienda che fa parte dell’Unilever.

La storia interessante dietro questa pubblicità fu che per scegliere quale tra 23 pubblicità sarebbe stata la prima ad essere trasmessa ci fu una lotteria. Oggi è ancora ricordata e impressa nella memoria collettiva grazie alla sua vittoria.

Lo spot mostra il dentifricio all’interno di un pezzo di ghiaccio in un ruscello, dato che il prodotto è “fresco come il ghiaccio”. In un secondo momento vediamo una donna che lo usa per lavarsi i denti. Durante la pubblicità, una voce fuori campo ne spiega i benefici.

Spot Gibbs SR

La tv italiana: il Carosello

Il caso italiano fu uno dei più particolari. Infatti, venne deciso di creare un apposito contenitore di pubblicità, dalla durata di circa 10 minuti e chiamato Carosello. Così da poter aggirare il divieto di pubblicità durante gli spettacoli televisivi.

Andò in onda dal 1957 fino al 1977, diventando un appuntamento nazionale. Per il primo periodo ogni Carosello veniva inserito in un contesto teatrale e iniziava con l’apertura di un sipario. Il primo episodio era composto da 4 scenette realizzate dalla Shell, Singer, Cyner e infine dalla L’Oréal.

L’Oréal: Un personaggio per voi con Mike Bongiorno

Questa è una delle 4 scenette mandate in onda nella primissima puntata di Carosello, il 3 febbraio 1957.

Si tratta di una breve intervista, condotta dal celebre Mike Bongiorno a un personaggio di punta in un determinato ruolo. In questo caso l’intervistata fu l’avvocatessa Maria Bassino.

Spot L’Oreal Un personaggio per voi con Mike Buongiorno

In poco più di 2 minuti viene fatta una breve panoramica della sua vita, mostrando anche la sua abitazione e alcuni momenti di lavoro. Come accadeva spesso, solo alla fine si scopre qual è l’azienda pubblicizzata, all’interno del “codino” pubblicitario finale.

Infatti, proprio alla fine Mike Bongiorno prende una valigetta e offre all’avvocatessa i prodotti della L’Oréal e un buono per il Plix, un prodotto che permetteva di mantenere più a lungo la messa in piega dei capelli. Solo negli ultimi secondi si vede un vassoio con sopra il prodotto.

Conclusione

Per la Giornata mondiale della televisione è stato interessante scoprire come sia iniziata la storia di questo strumento come mezzo pubblicitario che è ancora oggi fondamentale.

Conoscevi già queste pubblicità?

Se vuoi approfondire ulteriori nostri articoli li trovi qui ☕️

Approfondisci le tue conoscenze sul social media marketing con:

Categorie

Letture consigliate

Prodotti consigliati

Creazione Contenuti

Impara a ideare, pianificare e creare contenuti efficaci per i social media

Scopri di più
Piano Editoriale

Impara a strutturare, e gestire un PED efficace per i tuoi canali social

Scopri di più
CopyWriting

Impara a scrivere in modo efficace sul web e non solo

Scopri di più
CopyWriting

Impara a scrivere in modo efficace sul web e non solo

Scopri di più
Piano Editoriale

Impara a strutturare, e gestire un PED efficace per i tuoi canali social

Scopri di più
Facebook Adv

Impara le basi del FB Advertising e approfondisci concetti più avanzati

Scopri di più

Potrebbero interessarti anche:

Non rimanere mai indietro 📩

Iscriviti alla Marketing Espresso Letter.

Una volta al mese, niente SPAM. Solo i migliori contenuti e tutti gli aggiornamenti più importanti.

Impara il Social Media Marketing in modo semplice e utile

Scopri la formazione firmata Marketing Espresso